Schema della ruota della roulette

La ruota della roulette è un’invenzione magistrale e, il più delle volte, un bellissimo pezzo di ingegneria. Un perfetto bilanciamento nella progettazione è necessario affinché la ruota non abbia, o non sviluppi in futuro, nessuna irregolarità o tendenza. Molti giocatori d’azzardo hanno tentato di trovare una ruota con delle ”tendenze” nel tentativo di guadagnare un vantaggio. Poiché la ruota della roulette, al pari di qualsiasi altro pezzo meccanico, si usura a forza di girare, è possibile pensare che a lungo andare questa possa produrre un certo numero di risultati più frequenti di quanto non lo dovrebbero essere secondo le loro probabilità naturali. Se ne trovate una così sfruttatela e fatevi un po’ di denaro facile. I casinò, ovviamente sanno questo ed è proprio per questo che è praticamente impossibile trovare una ruota di roulette che ha delle ”tendenze”. In pratica, non è nemmeno possibile provare una ruota. Per determinare se una ruota ha delle ”tendenze” dovreste avere un computer che la osserva per un po’ e il casinò non ammette nessun computer nella sala da gioco. Si è pure sentito dire che i casinò costantemente controllano la sala da gioco e il loro sistema di sicurezza segnala ogni apparecchio digitale che emette un segnale. Io non lo farei.

Il nostro schema della ruota della roulette mostra chiaramente la distribuzione dei numeri sul suo perimetro.

Schema della ruota della roulette

I numeri sono distribuiti in modo da avere il massimo equilibrio tra manque e passe, tra rosso e nero e tra pair e impair. Le 38 (nella roulette americana) caselle sono dette tasche. Lo 0 e il doppio 0 sono entrambe tasche verdi, mentre i rimanenti numeri sono equamente ripartiti tra numeri rossi e numeri neri. Come lo schema della ruota della roulette illustra, direttamente a fianco di ogni numero pari c’è un numero dispari. I neri e i rossi sono alternati anch’essi tra pari e dispari eccetto attorno alle tasche dello 0 e del doppio 0.